Offcanvas Info

Assign modules on offcanvas module position to make them visible in the sidebar.

Hot News:

Il suono del V12 è sempre magico. Si sa. Ma quel ruggito del 12 marzo del 1947 fu particolarmente significativo: quando Enzo Ferrari mise in moto la 125 S, la prima vettura a portare il suo nome, il mondo dell'auto cambiò il suo corso.

 

Così oggi, giusto settant’anni dopo, la Ferrari da il via alle celebrazioni ufficiali per il suo anniversario. E tutto inizia con un bel ricordo. "In concomitanza con il via ufficiale dei festeggiamenti - spiegano a Maranello - per ricordare quanto accadde 70 anni fa, verrà presentato un video rievocativo che vede la 125 S varcare di nuovo i cancelli di Via Abetone Inferiore. Nel farlo, la prima 12 cilindri a portare il Cavallino Rampante sul cofano consegna un testimone ideale proprio a La Ferrari Aperta".

 

E poi? Poi al via la grande festa itinerante in oltre 60 Paesi. E al grido di “Driven by Emotion”, (per rappresentare un tributo all’importanza che in 70 anni il Cavallino Rampante ha dato alle emozioni: quelle legate alla guida, che per Ferrari deve essere in ogni momento coinvolgente e appagante) ci saranno sfilate, feste e raduni, con il clou nel weekend del 9 e 10 settembre, a Maranello, dove sarà lanciata la mostra “Cavalcade Classiche”

 

In reatà pochi sanno che la famosa 125S, la prima Ferrari, non c'è più: quella delle festa è un modello ricostruito dalla Ferrari sui disegni originali. Ma non si poteva non avere una "numero uno", il gioiello con V12 ideato da Gioacchino Colombo con il contributo di Giuseppe Busso e Luigi Bazzi. E dopo il primo vagito del 12 marzo 1947 la 125 S, l’11 maggio 1947, fu il giorno del debutto in pista sul Circuito di Piacenza: la 125 S, con la S che indica la carrozzeria di tipo Sport, vide al volante Franco Cortese.

 

Un “insuccesso promettente”. Così Enzo Ferrari definì quel debutto, interrotto da un’avaria alla pompa di alimentazione mentre l’auto si trovava al comando della gara. Ma l’insuccesso durò giusto lo spazio di nove giorni: il 20 maggio 1947, nel Gran Premio di Roma, Franco Cortese portò la 125 S al successo, completando 40 giri per complessivi 137,6 chilometri alla media di 88,5 km/h. È la prima delle sei vittorie ottenute nel 1947, tra cui spicca anche quella di Parma con Tazio Nuvolari al volante.

 

Alcune dei momenti che hanno segnato la storia di Ferrari

1947 - Nasce la Ferrari

1950 - La Ferrari debutta in F1

1958 - Mike Hawthorn si aggiudica il titolo di campione del mondo con una Ferrari 246 F1

1962 - Viene presentata la 250 GTO, vincitrice del campionato internazionale costruttori GT nel 1962/63/64

1964 - John Surtees diventa campione del mondo di Formula 1 con la 158 F1

1967 - Tre Ferrari, due 330 P4 e una 412 P concludono in parata ai primi tre posti la 24 ore di Daytona

1968 - Al Salone di Parigi viene presentata la 365 GTB4 (Daytona)

1969 - La Fiat diventa azionista della Ferrari

1972 - Viene inaugurata la pista di Fiorano, tracciato di prova della Casa

1975 - Lauda con la 312 T conquista il titolo mondiale di Formula 1

1981 - Gilles Villeneuve porta al successo per la prima volta una F1 turbocompressa a Monaco, la 126 Ck

1984 - La Ferrari Testarossa viene presentata al Salone di Parigi

1987 - Al Salone di Francoforte viene svelata la F40

1988 - 14 agosto: all'età di 90 anni scompare Enzo Ferrari

1993 - Nasce il Ferrari Challenge, primo campionato monomarca della Casa

1998 - Nasce la nuova galleria del vento della Gestione Sportiva, progettata da Renzo Piano

2004 - Ferrari ottiene il record in F1 di 6 titoli mondiali costruttori e 5 titoli mondiali piloti consecutivi

2006 - Prende il via l'esclusivo programma XX, prestazioni estreme per i migliori clienti

2007 - Kimi Raikkonen e la Scuderia Ferrari sono campioni del mondo

2013 - Inizia la produzione della LaFerrari, prima ibrida della storia del Cavallino

2015 - La Ferrari viene quotata in Borsa a New York

2016 - A Parigi viene presentata LaFerrari Aperta, icona per i 70 anni della Casa

2017 - A Ginevra debutta l’ultima nata in Casa Ferrari, la 812 Superfast

 

Fonte: La Repubblica

 

Lascia un tuo commento